mercoledì 7 dicembre 2016

Pallina di pasta di semola

La pasta, si sa, è un alimento molto versatile e infinite sono le sue declinazioni.
Ma un modo in cui non avevo ancora mai provato ad utilizzarla è per delle decorazioni.
Avevo acquistato delle palline in polistirolo per provare a realizzare delle decorazioni da inserire nel mio albero di Natale; mi sono munita di pistola sparacolla ed ho cominciato a pensare a come decorare queste palline.
Alcune le ho decorate con delle perline dorate, altre con la porporina ed infine le ultime rimaste le ho decorate con la pasta di semola.
Il risultato a me è piaciuto molto e lo condivido con voi.

Se volete provare a realizzare delle pallina di pasta di semola, trovate il procedimento qui: https://youtu.be/aT88VWo8Rl8

domenica 4 dicembre 2016

Torta sofficissima con le pesche


Non è proprio di stagione come idea lo so, ma in realtà le pesche possono essere sostituite con un altro frutto a piacere.
La mia è nata un pò come ricetta del riciclo, in quanto avevo dello yogurt che si avvicinava alla scadenza (un fruttolo e uno yogurt Mio per l'esattezza) e le pesche sono servite per rendere il dolce più umido e appetitoso.

Ingredienti:
360g di farina 00
5 uova
200g di zucchero
225g di yogurt
300g di pesche a tocchetti (o altra frutta di stagione)
75g di olio di semi (io ho usato l'olio di riso)
1 bustina di lievito per dolci
I semi di mezza bacca di vaniglia o una bustina di vanillina (io ho usato un cucchiaio di estratto di vaniglia fatto da me)
Un pizzico di sale
Il succo di mezzo limone

Procedimento:
Inserire le uova e lo zucchero in una ciotola e lavorare a lungo con le fruste dello sbattitore, ovvero fino ad ottenere una massa gonfia e sbianchita. Aggiungere la vaniglia e poi poco per volta l'olio e lo yogurt. Mescolare delicatamente con la spatola dall'alto verso il basso (la montata si sgonfierà un pò). 
Unire, sempre mescolando delicatamente, la farina e il lievito setacciati un pò per volta. Incorporare, infine, alla massa la frutta (precedentemente irrorata con il succo del limone e tamponata con carta da cucina). Versare il composto in uno stampo imburrato e infarinato e cuocere in forno pre riscaldato a 170gradi per circa un'ora.
Capirete che il dolce è cotto quando si sprigionerà un profumo intenso di torta che inonderà tutta la casa.
È d'obbligo comunque, per non sbagliare, la prova stecchino.
Se vi piace, quando si sarà intiepidita, potete tagliare la torta a quadrotti e cospargerela di zucchero a velo.



E per chi fosse ancora in cerca di idee per le decorazioni natalizie, il video tutorial per realizzare delle palline di Natale per l'albero con fili di perle: https://youtu.be/b-5goo2i6eE

giovedì 1 dicembre 2016

Focaccia tonno e scamorza di Luca Montersino


Da Ernst Knam a Luca Montersino, voi direte e certo non posso darvi torto: questo post e i precedenti due parlano da soli.
Come già preannuncia il nome del blog, io mi diletto maggiormente nella preparazione dei dolci, ma non disdegno affatto le preparazioni salate che, detto tra noi, sono poi quelle che preferisco mangiare.
Ebbene sì, sono una spacciatrice di dolci ma il mio palato preferisce il gusto salato.
Questa ricetta è tratta dal libro di Montersino "le mie torte salate" ed è una delle poche preparazioni inserite nel testo i cui ingredienti sono tutti facilmente reperibili.
Infatti, Montersino è noto per l'uso di ingredienti al di fuori della portata dei comuni mortali, semplici amatori della cucina e della pasticceria: gomma xantana, inulina, maltitolo, gelatina kappa, destrosio, ecc. ecc..
Io nel tempo ho trovato dei siti internet molto forniti e presso i quali acquisto questi ingredienti quando mi necessitano, ma devo dire che, sebbene non siano proprio proibitivi, hanno dei costi non da tutti sostenibili.
Rispetto alla ricetta di Montersino ho variato solo il tempo e la temperatura di cottura, adeguandoli alle esigenze del mio forno e il tempo di lievitazione (la cui durata non è specificata nel libro).

Ingredienti:
375g di farina 260w (va bene anche una farina 0 o una farina manitoba miscelata con farina 0)
50g di farina integrale
225g di acqua
20g di olio extravergine di oliva
5g di lievito di birra fresco
10g di sale
5g di malto in polvere (io ho usato quello liquido)

Per la farcitura:
150g di tonno sott'olio
100g di scamorza affumicata

Per la salamoia:
15g di acqua
15g di olio extravergine di oliva
5g di sale

Procedimento:
Impastare le farine, l'acqua, il lievito e il malto. A metà impasto aggiungere il sale, l'olio d lavorare finchè l'impasto risulterà ben incordato.
Dividere l'impasto in due parti e, dopo un riposo di circa 20 minuti, stendere sottile una delle due parti in una teglia da 26cm di diametro oliata in precedenza.
Distribuire sul primo strato il tonno ben sgocciolato e la scamorza a fette. Stendere sopra la pasta avanzata, sigillare bene i bordi e lasciare lievitare per qualche ora (la focaccia deve radoppiarsi di volume).
Per la salamoia: sciogliere il sale nell'acqua calda e aggiungere l'olio amalgamando bene con una frusta.
Distribuire sulla focaccia in modo omogeneo la salamoia.
Infornare a una temperatura di 200gradi per il tempo necessario ad ottenere una doratura uniforme sopra e sotto (ci vorranno circa 25/30 minuti).